Che finale Fast & Furious!

Era lecito attendersi che “Fast and Furious 7” sbancasse i botteghini e conquistasse il pubblico in Italia e nel mondo. Che il settimo film della serie con Vin Diesel attirasse in sala frotte di spettatori, molti dei quali desiderosi di vedere sul grande schermo, per l’ultima volta, Paul Walker nel ruolo di Brian O’Conner, era infatti assolutamente prevedibile.

Guardando il film poi, da un certo punto di vista sembra quasi non sia cambiato niente rispetto ai capitoli precedenti della saga: forza bruta muscolare, donne dalla bellezza sconvolgente, auto che compiono inverosimili acrobazie (come saltare da un grattacielo all’altro), velocità esasperata e rischio, il tutto tenuto insieme da una grande amicizia e dalla volontà di tenere sempre unita e al primo posto la famiglia.

Parallelamente a questo, tutto il film è però guidato dal desiderio, da parte degli attori e del regista, di dare un degno finale a quello che realmente era diventato un loro amico. Per questo il ragione tutta la pellicola diventa un lungo saluto al personaggio interpretato da Paul Walker.

Ad essere sincero quando sono entrato al cinema per vedere questo film mi aspettavo, con sincera curiosità, di vedere come il regista lo avrebbe fatto morire, dando per certo che questo sarebbe avvenuto:
Sarebbe stato inscenato un incidente fragoroso?
Sarebbe morto salvando eroicamente sua moglie o suo figlio?
Sarebbe ignorato il fatto lungo lo sviluppo della trama e solamente alla fine ci sarebbe stato un saluto all’attore scomparso?

Con sorpresa invece il finale invece è stato questo:

Sconfitto il cattivo di turno infatti, tutti i protagonisti del film si ritrovano insieme in spiaggia e interrompono i loro discorsi quando, commossi ma non disperati, osservano Brian lontano giocare con suo figlio e sua moglie dicendo semplicemente che quello è il suo posto, e non con loro.
Subito dopo Toretto e O’Conner, amici nella saga quanto nella vita si ritrovano a guidare affiancati lungo un’autostrada in mezzo al deserto. Ed è lì che, con una ripresa aerea particolarmente toccante e con la splendida e dolce colonna sonora scritta da Wiz Khalifa ad accompagnare la scena, O’Conner prende l’uscita a sottolineare come le strade dei due protagonisti si stiano solo temporaneamente separando.

È oggettivamente raro e significativo il modo con cui alcuni uomini (non importa se sono attori famosissimi, innanzitutto sono uomini) hanno deciso di stare di fronte al fatto di un loro amico che non c’è più.
A dominare non è né la nostalgia o l’amarcord per i momenti vissuti insieme, cosi come non lo è neppure la rabbia per il drammatico evento accaduto. Con tutta la tristezza del caso infatti, i protagonisti salutano Paul e paiono più di ogni altra cosa contenti e grati di aver avuto l’opportunità di conoscerlo. Lo sembrano a tal punto che il saluto finale, non solo contiene la speranza, ma ha dentro la certezza che la storia, per il loro amico che non c’è più, non sia finita ma sia solo “cambiata”.
È questo clima, magistralmente creato dagli attori e dal regista, che rende vera e non moralistica la battuta finale di Vin Diesel rivolta all’amico Paul: «Non importa dove sei, se a un quarto di miglio o dall’altra parte del mondo, tu sarai sempre con me e sarai sempre mio fratello».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...