Una vita da “Smartphonisti”

Sono ormai anni che i classici telefoni cellulari sono stati soppiantati dai molto più innovativi e ricchi di funzioni smartphone. Oggi è il momento di fare una riflessione su questi nuovi aggeggi che abbiamo sempre in mano e dominano nelle nostre giornate portandoci a creare una realtà parallela rispetto a quella vera in cui siamo.
Quante volte ad esempio si va su Facebook senza motivo se non quello di vedere se qualche amico ha pubblicato una sua nuova foto o una assurda frase slanguinante che fa venire il voltastomaco?
Quante volte si va su Instagram senza motivo se non quello di vedere, se sei un uomo, le foto di splendide modelle in qualche spiaggia paradisiaca in giro per il mondo, mentre se sei donna qualche mega muscoloso attore di telefilm americani (il meglio resta sempre Greys’ Anatomy ma anche i vampiri alla Ian Somerhalder vanno sempre bene)?
Quante volte si sente poi vibrare il telefono perché arriva un messaggio su whatsapp?
E se lo leggi poi sei obbligato a rispondere perché se non lo fai chi ti ha scritto vede che hai letto il messaggio e inizia a chiedersi perché non rispondi e a farsi mille problemi sul fatto se ce l’hai con lui/lei o meno.
Quante volte sei tu invece quello che fa la parte di chi scrive il messaggio e fin quando non ricevi risposta guardi ininterrottamente il telefono senza lasciare la minima possibilità all’ipotesi che il destinatario del tuo messaggio non ti stia immediatamente rispondendo perché occupato in altro?
Quante ore si passano poi sui classici giochini alla Ruzzle o Candy Crush nemmeno avessimo dodici anni e anelassimo al grande obiettivo di vincere la lega pokemon e portare a livello 100 più pokemon possibili con il nostro vecchio e caro game boy?
Quante strade in meno si imparano perché tanto abbiamo il navigatore e non serve memorizzare altro che non sia come aprire waze?
Quante filotemmie si tirano al telefono perché nell’unico momento in cui servirebbe chiamare qualcuno ce lo ritroviamo scarico e dunque inutile?!
E’ sicuramente vero che internet e la tecnologia hanno aiutato nella risoluzione di piccoli problemi quotidiani agevolando anche la comunicazione tra chi è lontano, ma ne è valsa la pena?

….OVVIAMENTE SI! Scherzavo!
Non rinuncerei per nulla al mondo al mio nexus se non forse in cambio di un i-phone 6!
Volevo solo provare l’ebbrezza di fare l’esperienza del “Giornalista moralista” e vedere quanti di voi arrivano fino in fondo alla lettura! Sappiate che se ce l’avete fatta avete tutta la mia stima!
Saranno anche vere alcune delle situazioni descritte sopra ma cosa c’è di più bello di capire e imparare a usare in modo utile e bello le cose??

Annunci

3 pensieri su “Una vita da “Smartphonisti”

  1. Ahah, articolo simpatico! Peró é vero, ormai il telefono lo si usa per are tutto, poi quando devi chiamare o ti serve veramente puntualmente é scarico… d’altronde hanno inventato i power bank per questo! :’D

    Liked by 1 persona

  2. Bellissimo… AHAHAHAHAHAHA!!!
    Mi ero illusa di essere normale leggendo il tuo articolo :)!!!
    Comunque durante una cena ieri sera, la mia amica ci ha fatto stare in posa per cinque minuti davanti ad una super mega pizza per far un selfie che non le veniva per pubblicarla…
    Ora vi chiedo: sono io da curare perchè mi sono sentita in imbarazzo o lei???
    Ho paura di sapere la risposta…
    Saluti e piacere di seguirti :)!!!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...