Birdman: quando la fama non è tutto

Chiunque conosce o ha sentito parlare del nuovo nuovo film di Alejandro Gonzàlez Inàrritu e se ancora non lo avete visto fatelo perché si tratta di qualcosa di realmente eccezionale e atipico anche per il fantastico mondo del cinema.
La storia tratta di Riggan Thompson, alias Michael Keaton, ex-divo di Hollywood giunto alla notorietà come interprete del supereroe Birdman, figura che lo ossessiona e di cui non riesce in alcun modo a liberarsi. I suoi problemi sono da un lato che, invecchiato, sembra essere stato dimenticato dal grande pubblico; e dall’altro quello di una totale mancanza di ordine nella sua vita: separato dalla moglie, con una figlia appena uscita da un centro di disintossicazione e un amante fastidiosa sul set.
Non ritenendosi finito e credendo di aver ancora qualcosa da dire e da dare al pubblico americano ambisce a mettere in scena uno spettacolo teatrale a Broadway: “Di cosa parliamo quando parliamo d’amore?” di cui essere autore, regista e primo attore.
E’ un’idea interessante ma Riggan è totalmente ossessionato dall’ansia di emergere e di essere ricordato dal pubblico per cui fa del male a un attore che non riteneva abbastanza bravo per non farlo recitare, ma poi litiga più volte col suo folle sostituto (interpretato da Edward Norton) perché troppo bravo gli rubava la scena! Sulla stessa lunghezza d’onda ma con un’obiettivo più personale vi è la figlia di Riggan, interpretata da una splendida Emma Stone, che appena uscita da un centro di disintossicazione lavora come assistente del padre e non ambisce ad altro che non sia essere notata da lui. Più volte la troviamo seduta su una balconata come se volesse buttarsi di sotto e totalmente stanca di vivere, cosa che non fa mai perché Norton glielo impedisce. Geniale è il metodo usato dal regista per “risolvere” e allo stesso tempo “descrivere” il dramma della giovane protagonista: il gioco “obbligo-verità”. Così Norton ha dovuto dire quanto poco Emma, nonostante tutti i suoi tentativi, fosse invisibile: l’aveva notata, si era accorto che c’era e questo dà una svolta al personaggio interpretato dalla Stone che finalmente, forse per la prima volta, si è sentita amata semplicemente per quello che era.
Originale a dir poco è il finale poi perché tutto il film è una descrizione del desiderio di emergere di Riggan e ruota attorno a questo personaggio e alla fine, anche se in modo”bizzarro”, questo successo lo ottiene: la figlia gli mostra che ha ottenuto oltre 80000 follower su twitter in meno di un’ora e gli dimostra di averlo perdonato, ma evidentemente visto il finale questa “fama” al protagonista non era più sufficiente.
Se pensiamo alla realtà è quasi incomprensibile che negli ultimi anni molti divi di Hollywood come Philip Seymour Hoffman, Robin Williams, Rock Hudson e qualche anno fa Amy Winehouse si siano tolti la vita. Come è possibile? Loro hanno tutto: fama, denaro, successo…Quel loro stesso desiderio di fama e successo però lo abbiamo tutti e il rischio di vivere come Riggan lo sento molto presente nelle giornate: c’è un enorme differenza ad esempio tra lavorare cercando di farlo meglio che si può e lavorare con il solo obiettivo di “fare carriera”!
Nel finale il regista mi è sembrato fornisca un’ipotesi di risposta a questa alternativa in un dialogo tra Riggan e sua moglie prima dell’ultima scena dello spettacolo teatrale. Riggan lì dice di rimpiangere più di ogni altra cosa di essersi perso tutto nella vita, e fa lo splendido esempio di quando ha filmato la nascita della figlia invece di stare con sua moglie a vivere quel momento.
E’ forse proprio questo allora il punto: forse per accorgersi di essere amati bisognerebbe “solamente” vivere ciò che accade avendo gli occhi aperti per guardare le cose per quello che realmente sono e non per l’immagine che su di esse ci siamo fatti e costruiti.

Annunci

Un pensiero su “Birdman: quando la fama non è tutto

  1. Pingback: Un anno di Opinioni | opinionandolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...