ISIS: Basta pubblicare immagini e video!

Dopo il terrificante video circolato ieri in rete che mostra il pilota giordano Muath al-Kasaesbeh morire arso vivo chiuso in una gabbia quello che si è generato in me mi ha fatto paura, e non è nulla di diverso dalla reazione avuta dal mondo arabo e dal governo giordano che in tutta risposta ha giustiziato due prigionieri legati al fondamentalismo islamico. Ciò che colpisce è che siamo come cavie di un esperimento che questi terroristi stanno facendo e la mia impressione è che li stiamo aiutando!
Come tutti sappiamo stanno usando i media per diffondere sul resto del mondo e su tutti noi il loro stesso odio e tutta la loro disumanità. Lungo tutti i millenni della storia umana è altre volte capitato che un nemico venisse arso vivo dentro un gabbia o che vi fossero in generale manifestazioni di terribile violenza; oggi però è diverso: non solo fanno questi atti di follia ma li ostentano e li diffondono facendone uno show televisivo! È proprio come se avessero un copione scritto e pensato facendo leva sulla sensibilità televisiva del mondo occidentale. Essendoci infatti tantissime altre guerre nel mondo, sanno già che la notizia di morti lontani è un numero freddo che risulta essere praticamente insignificante per noi che viviamo in un mondo tutto nostro bombardato da infiniti stimoli. L’immagine invece di un uomo solo decapitato o bruciato vivo (perché quello ha stabilito un referendum fatto in rete), sanno che susciterà in noi orrore, disgusto, panico e soprattutto paura. E oltre alla paura aumenterà la rabbia, il desiderio di rispondere alla violenza con altra violenza come ha fatto il governo giordano e come tutto il mondo arabo ha iniziato a chiedere(un Imam dell’università del Cairo ha dichiarato che dobbiamo bruciare vivi quelli di Isis). L’impressione però è che questo atteggiamento li induca a fare il loro gioco!
Se a lavoro ti capita di vedere insieme ai colleghi il video di un uomo arso vivo diventa dura ricominciare dopo. Se realmente abbiamo poi interesse a combattere questi terroristi forse i mezzi di informazione farebbero bene a mettere da parte la loro bandiera di difesa della totale libertà di informazione ed evitare il diffondersi di panico e paura dando corda e pubblicità a questi folli. Si devono raccontare i fatti che accadono ma un’intelligenza vera deve tenere conto degli effetti che certe immagini generano su chi le guarda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...