Un uomo solo al comando

Ecco i dialoghi tra Renzi e altri leader nei giorni precedenti l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica.

Renzi a Bersani:
“Pierluigi ciao non ti preoccupare non spacco il PD ho scelto un nome a caso tra quelli che avevi proposto tu due anni fa: un tale Mattarella. Ti piace no lo voti?! Dillo tu a Fassina che mi odia”
Bersani con lo sguardo rivolto al cielo come avesse visto un angelo:
“Eh si che mi piace…io non son mica uno che sta qui a pettinar le bambole sai no?!”
Renzi con sorrisino scioccato:
“Certo certo…ok”

Renzi a Salvini:
“Ciao Matteo, senti visto che voi siete pochi grandi elettori e non contate nulla cosa ne dici di votare Mattarella anche tu”
Salvini:
“Vaffanculo! E vaffanculo alla Fornero!”

Renzi a Grillo:
“Beppe senti, visto che come al solito se andate da soli non contate nulla, votate Mattarella dai
Grillo:
“Devo chiedere alla rete se è un nome dei poteri forti”
Renzi:
“Si vota domani eh!”
Grillo:
“Ok noi lo voteremo a partire dalla decima elezione se voi non ce la fate prima”
Renzi:
“Certo certo…ok”

Renzi a Alfano:
“Angelino ciao noi votiamo Mattarella voi immagino facciate lo stesso no?”
Alfano:
“Cavolo Matteo così non vale lo hai già detto pubblicamente di votare lui ora sembra se lo voto che sono un tuo subalterno e non conto niente. Poi è siciliano..come faccio a dirgli di no?!”
Renzi:
“Si esatto…se vuoi, anche se il nome l’ho detto tre giorni fa, posso dire che è il candidato di tutti così non passi per il mio zerbino va bene?”
Alfano:
“Ah ok però cavolo il metodo che hai usato non va bene eh! Dobbiamo riparlarne anche per il governo se no salta tutto!”
Renzi:
“Certo certo…ok”

Renzi a Berlusconi:
“Ciao Silvio, come stai, scarso il tuo Milan eh?”
Berlusconi:
“Confermo la fiducia a Inzaghi! Noi comunque votiamo Amato insieme no?!”
Renzi:
“No Silvio ho già detto che votiamo Mattarella tanto il PD riesce a eleggerlo anche senza di voi”
Berlusconi:
“Cribbio…! No! Non puoi sono io che comando qui! Come convinco Brunetta a farlo poi? Ma il patto del Nazareno lo faccio saltare eh sei fregato Matteo!”
Renzi:
“Silvio ti ho fatto votare ieri al senato dove non ho i voti la legge elettorale. Se non vuoi più fare le riforme passi tu per il cattivo e andiamo a votare: io vinco e tu sparisci dalla scena”
Berlusconi:
“Dopo Angelino anche tu figlio mio mi tradisci…Cribbio!”

In poche parole Renzi ha tenuto unito il PD(impresa più unica che rara), ha ridicolizzato NCD e FI, ha reso inutili M5S e Lega, ed è riuscito a far sembrare di aver trovato un nome che unisce tutti i partiti: insomma in Italia, che piaccia o no, c’è un solo uomo al comando. Resta da capire solo se sia lui un genio politico, o se i suoi avversari veramente siano così deboli.

Annunci

2 pensieri su “Un uomo solo al comando

  1. Mefistofele, leggi l’editoriale del post, you are gonna like it.

    “…a sinistra era atteso da anni qualcuno che battesse Berlusconi, e che lo battesse sul suo terreno della manovra politica e del consenso parlamentare (spontaneo o “aiutato”): che a riuscirci – a fregare Berlusconi al punto di annichilirlo in un silenzio distante – sia stato il più odiato dagli antiberlusconiani professionali che in questo hanno fallito per vent’anni, e che sia stato colui che loro stessi accusavano di esserne il salvatore, non è soltanto illuminante: fa quasi ridere.”

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...